Guide alla moda maschile

Il top a righe bretoni: per celebrare un'icona dell'abbigliamento maschile

È probabile che poche cose colleghino imperatori francesi, attori di prim'ordine, icone del grunge e papà in corsa per la scuola materna, men che meno una trottola originariamente utilizzata per identificare le persone sulle barche che affondano. Tuttavia, attrarre indossatori così diversi come questi è stato uno dei risultati più notevoli del top bretone.

Un tempo appannaggio esclusivo dei marinai, negli ultimi 150 anni circa ha dato ai marinai e ai marinai una dose di cool gallico, rendendolo un'icona duratura dell'abbigliamento maschile che vale più del suo sale.



Elencato dal Museum of Modern Art come uno dei 111 capi classici che tutti dovrebbero possedere, il top bretone è un capo essenziale del guardaroba moderno che è proprio a casa indossato come parte di un look casual in quanto è sotto un abito doppiopetto . Ma con molte varianti disponibili oggi e una storia interessante da avviare, ci sono molte domande da porre prima di acquistarne una tua.

Da dove viene il top bretone?

Le origini della maglia bretone risalgono al 1858, e all'Atto di Francia, quando la marina francese introdusse un pullover di cotone bianco con strisce orizzontali indaco come divisa ufficiale. Era pratico - in quanto era facile individuare se qualcuno cadeva in mare e l'ampio scollo a 'barca' rendeva più facile staccarsi e salutare per chiedere aiuto - ma portava anche un messaggio; le sue 21 barre simboleggiavano ciascuna delle vittorie navali di Napoleone sugli inglesi.

  Pablo Picasso Pablo Picasso

Il top bretone è entrato nella vita civile negli anni '20, grazie alle socialite americane Gerald e Sara Murphy, che hanno inventato la 'stagione estiva' in Costa Azzurra. Nel 1923, Gerald tornò da un viaggio a Marsiglia con un mucchio di magliette di un atelier locale, e presto i Murphy e i loro ospiti di prim'ordine - tra cui lo scrittore de Il grande Gatsby F. Scott Fitzgerald e il pittore spagnolo Pablo Picasso - erano tutti sportivi loro dal piscina .



  James Dean James Dean

La stilista Coco Chanel in seguito ha incorporato le strisce nelle sue collezioni di ispirazione nautica, e la bretone ha continuato a prestare un po' di Riviera -ispirata nonchalance a tutti, da James Dean e Andy Warhol a Kurt Cobain e Jean-Paul Gaultier (che l'ha mostrata anche nel suo Le Male fragranza bottiglia). Come Luc Lesencal, amministratore delegato del moderno marchio bretone San Giacomo , afferma: “Il bretone va oltre le mode. È un classico senza tempo.



  Andy Warhol Andy Warhol

3 principali stili bretoni

La maglietta bretone

Il top bretone entry-level per molti ragazzi potrebbe non essere la scelta dei puristi, ma la maglietta a righe porta ancora abbastanza tratti distintivi per ottenere un passaggio. E, poiché sembra bello su Brigitte Bardot come su Ernest Hemingway, è uno dei primi e più potenti simboli della parità di genere.

  Mango Mango

La t-shirt bretone a maniche lunghe

Il classico top bretone. Lo scollo a barchetta e le strisce extra aggiungono quell'ineffabile je ne sais quoi, sia che tu stia gironzolando nel fine settimana o che tu stia uscendo per un appuntamento. Spingi le maniche verso l'alto per un tocco di nonchalance in più o infilalo in un paio di pantaloni con pieghe se vuoi essere più intelligente.

  L'uomo ozioso L'uomo ozioso

Il maglione bretone

Una versione più intelligente della perenne resistente, in lana o jersey opportunamente leggeri, ti consente di portare la striscia bretone fino a sera. A patto che quella sera sorseggi Negroni su uno yacht nel porto di San Tropez o, sai, nel giardino del pub.

  Zara Zara

3 modi per indossare il top bretone

Casuale

Il top bretone trasuda casual con attitudine ed è a suo agio in una vasta gamma di outfit casual. La scelta più ovvia è abbinarla denim cimosato e desert boots, ma funziona altrettanto bene con pantaloni chino blu scuro e scarpe da ginnastica.

Guardando indietro alle icone, l'originale adottante bretone Gerald Murphy è stato fotografato a Cap d'Antibes negli anni '20, il suo top bretone a maniche lunghe compensato da pantaloncini bianchi, espadrillas e un grosso bastone da passeggio; mentre Picasso, raffigurato negli anni '40, ha ravvivato la sua maglietta con un cappello da dieci galloni e un revolver, portando la spensieratezza a un livello completamente nuovo.

  Mercato Mercato

Semplice ma elegante

Se il tuo solito punto di riferimento quando ti vesti è 'cosa farebbe Cary Grant?' allora sei fortunato. Il signor Grant ha inchiodato lo stile bretone elegante e casual in To Catch A Thief del 1955 abbinando il suo bretone rovesciato - sfondo blu scuro, sottili strisce bianche - con una bandana rossa.

I designer moderni hanno utilizzato il top bretone come capo a strati, con l'ex capo di Burberry Christopher Bailey che lo ha posizionato sotto un sovradimensionato camicia a maniche corte e infilandola in pantaloni chino pieghettati per una sorta di look grunge all'estero - un cenno, forse, alla predilezione di Kurt Cobain per la striscia leggendaria.

  Reiss Reiss

Inteligente

Non bisogna andare fino a Scott Fitzgerald, fotografato in Costa Azzurra negli anni '20 con indosso un top bretone a maniche lunghe con giacca di tweed e calzoni alla zuava (pantaloni essenzialmente a gamba larga che finiscono sotto la ginocchio). Ma si abbina sorprendentemente bene, in particolare se prendi un classico maglione bretone indaco su bianco e lo indossi sopra una camicia abbottonata con grigio o blu Cinese .

O semplicemente lascia che le tue righe cantino sotto un blazer leggero o un abito in seersucker blu scuro, come sostenuto da artisti del calibro di Ami e Officine Generale. 'Aggiunge sempre un bel tocco grafico a un outfit', afferma Luc Lesencal di Saint James.

  Mango Mango

5 dei migliori marchi bretoni

San Giacomo

Vuoi la tradizione? St. James ha le sue radici in un villaggio francese con un record di produzione tessile millenaria. Ogni mese, nella sua fabbrica vengono lavorate a maglia quasi 239.000 miglia di lana, la maggior parte delle quali viene tessuta nelle migliori magliette bretoni e maglioni (hanno anche collaborato con J.Crew e Coach, tra gli altri). 'Trasformiamo i nostri pezzi iconici per creare stili moderni che possano resistere a molte stagioni', afferma Lesencal.

Armatura Lux

Inequivocabilmente bretone - è stata fondata nel 1938 a Quimper, una città nel nord-ovest della Bretagna - Armor Lux è l'ultimo produttore della camicia bretone nella regione, e integra lo stile classico con magliette 'mariniere multicolore' (AKA diversi colori ) così come berretti, sciarpe e persino pantofole bretoni. Secondo l'export manager del marchio, Marco Petrucci, “Il top bretone si adatta sia a un outfit cool per il fine settimana che a un look sportswear, ma anche se abbinato a un contesto piuttosto formale, si adatta comunque”.

Officine Generale

Il fondatore di Officine Generale, Pierre Maheo, trascorse la sua infanzia in Bretagna, e mentre suo padre era un ostrista più o meno permanentemente bretone, suo nonno era un sarto elegante. Sarà forse per questo che tra le collezioni del brand vedrai una variante della t-shirt bretone (ravvivata, forse, da una combinazione di colori navy/grigio) indossata sotto blazer o tailleur morbidi. 'Fa parte del mio DNA', dice Maheo del top bretone, 'quindi è un filo conduttore che attraversa il marchio'.

Geometra

Una versione moderna del tradizionale top bretone, le gamme di Arpenteur, realizzate in Francia, aggiungono vibranti arancioni, gialli, blu e verdi nel mix, spesso sullo stesso capo. L'offerta di capispalla del marchio è un altro punto forte ed è noto per collaborazioni sottovalutate con altri pilastri francesi come il marchio di calzature secolare Paraboot.

Il signor P

Il marchio interno del rivenditore di abbigliamento maschile Mr Porter afferma che è 'ispirato da uomini ben vestiti, passati e presenti... ed è tanto elegante quanto senza tempo'. Con questi criteri, come potrebbe non produrre una propria interpretazione del top bretone? Dalle t-shirt in jersey di cotone a maniche lunghe con grossi colli a barchetta a righe sottili dolcevita, si tratta di variazioni elevate sul tema mariniere.